Libritalia
×
 x 

0

FLORA SPONTANEA nel circondario di Capo Vaticano

di FRANCO LARIA ISBN 978-88-3198-5086 MARIO VALLONE EDITORE - un ammasso granitico di ottanta milioni di anni, vagabondo frammento d'Europa nel centro del Mediterraneo, che si erge imponente a strapiombo sul Mare Tirreno al cospetto delle isole Eolie: è una propaggine dell'Appennino Calabrese che si estende fino al mare separando il Golfo di Santa Eufemia da quello di Gioia Tauro. Celebrato per le spettacolari visioni che offre in un unico giro di sguardi l'arcipelago con lo Stromboli fumante..

Ha origini geologiche molto antiche il promontorio di Capo Vaticano, un ammasso granitico di ottanta milioni di anni, vagabondo frammento d'Europa nel centro del Mediterraneo, che si erge imponente a strapiombo sul Mare Tirreno al cospetto delle isole Eolie: è una propaggine dell'Appennino Calabrese che si estende fino al mare separando il Golfo di Santa Eufemia da quello di Gioia Tauro. Celebrato per le spettacolari visioni che offre in un unico giro di sguardi l'arcipelago con lo Stromboli fumante, l'Etna altissimo sulla Sicilia e, più vicino, l'Aspromonte ricco di memorie e di paure che offuscano la sua bellezza. Il fascino delle sue spiagge, tra le più belle della costa tirrenica della Calabria, non esaurisce il suo richiamo, perchè le meraviglie naturalistiche di questo territorio sono altre e più nascoste e basta cercarle per godere pienamente di questa splendida terra. Franco Laria con questa sua opera ci guida a un godimento sensoriale e alla scoperta di bellezze inattese e ci invita al rispetto e alla custodia di un bene che è di tutti ma che può svanire per l'incuria e l'irresponsabilità di grossolani fanatismi. In passato, oltre agli interventi promossi dagli insegnanti delle nostre scuole (particolarmente quella gestita dal professor Antonio Maccarone con gli alunni della scuola media di Ricadi che ha divulgato le acquisizioni su DVD), non sono mancati approcci che però tendevano maggiormente
a rafforzare il richiamo pubblicitario degli operatori turistici. Un intervento scientifico è stato pubblicato in Pianeta Tropea, ed. Qualecultura-Jaca Book, 2001 da Fulvio Gioanetto, uno studioso brasiliano che ha soggiornato diversi anni in questo territorio, con il titolo La vegetazione della costa e delle fiumare: botanica e farmacologia. Lo svolgimento del lavoro di ricerca del botanico Gioanetto ha coinvolto ricercatori e studenti del Villaggio Universitario Pilota (VUP), gli orti botanici di Messina e di Cosenza, i membri dell'Associazione “Il Carrubo”. Lo studioso annota che sono state repertoriate 406 speci, delle quali 11 segnalate per la prima volta in Calabria, ed auspica “che questo inventario possa permettere agli enti ed organismi preposti alla protezione di far conoscere e di far proteggere questo patrimonio naturale ancora poco conosciuto”. La giovane provincia di Vibo Valentia, sollecitata anche da interventi degli enti locali, ha provveduto a suo tempo alla protezione del sito che accoglie la famosa felce bulbifera Woodwardia radicans nella valle Ruffa o fiumara di Brattirò, come viene denominata a quella altezza. Nel 2008 Alessandro Petraglia, nostro concittadino, preparava la sua tesi di dottorato in scienze botaniche presso l'Università di Parma con una ricerca La natura di Capo Vaticano, patrocinata dal comune di Ricadi. Il risultato dello studio minuzioso condotto sul territorio di Capo Vaticano è stato divulgato con un apposito convegno a Ricadi presso il Centro Congressi “Giuseppe Berto”, la diffusione di una brochure “Capo Vaticano – Natura e Ambiente” assieme al DVD “La natura di Capo Vaticano”,ed. Naturmedia SRL. 


 CARATTERISTICHE TECNICHE: FORMATO 15x21 cm. - copertina morbida a colori - interno edizione bianco stampa a colori con illustrazioni - pagine n. 224

 

15,00 €

TOP