Libritalia
×
 x 

0

GRANELLI DI MIGLIO

di Gianluca RUBINO ISBN 978-88-98-98085-02-6 GAGIS COLLEZIONI EDITORIALI - ho affidato questa prima pubblicazione alla carta stampata spinto dalla voglia di trasmettere sensazioni ed emozioni sincere, a volte con un linguaggio semplice, in altre occasioni con illuminazioni più profonde, cercando di qualificare questi scritti come il simbolo dell’infinita eternità della poesia.

Di delicato sapore ci è parsa la raccolta di poesie di Gianluca Rubino: Granelli di miglio. Di gusto trascinante, anche se pungente, come ogni opera psicologica, e di sentimento. Splendida nel suo sforzo, finito, di esplorare una interiorità, quella dell’uomo in quanto tale, infinita. Che va sfiorata a mani scoperte, oltre tutto il tormento, per essere restituita al chiarore. Sotto un cielo che scalda, che offre i toni più nitidi. Sotto un cielo trasparente, dopo il temporale. Dentro la tormenta. Sotto l’infinito. Dentro l’infinito cosmo del pathos, degli impulsi ormai ripuliti, privati delle impurità c’è posto davvero per qualcosa che non può più declinare. Andar distrutto, mai. C’è posto per i personaggi principali, per quel che giungerà dopo. Oltre il silenzio. Narrato nei dettagli. Fissato, investigato, sviscerato e, solo infine, accettato. E, infondo a tutto, prediletto. Come lo sono le certezze, senza le quali l’uomo non sa stare.
E ci è sembrata, ancora, piena di gusto la forma preferita per presentare i nobil sentimenti. A tutti. Perché non tutti siamo preparati ad accogliere ciò che non sappiamo.

A chi sceglie di largire, dunque, l’incarico di porsi dall’altra parte. Anche giusto un batter d'occhio. Giusto il tempo di rimuginare. E far riflettere. Così, e solo così, “Granelli di miglio” si è consegnato, pienamente. Non trattenendosi serrato all'interno di un mondo, seppur sorprendente, che però è di carta e rimane di questa specie. Sgorgando da se stessa per darsi assolutamente agli altri, la raccolta di Gianluca Rubino potrà davvero, a parer nostro, far accorrere gente, tanta. Un po’ per interesse, un po’ per curiosità. Separandosi dalle pagine scritte, seguiterà a prendere foggia, ed espressione. Evidente, ce ne siamo accorti, per farlo si è consegnata, senza fine, alle espressioni del suo autore. Alle meditazioni di un bravo poeta, abile ad emozionare nel suo incedere verso l’analisi della psicologia dell’uomo, soprattutto. Non trattenendosi, il testo. Ché si è voluto sviscerare, da solo, all’estremo. E non percependosi, anche allora, nemmeno così, pronto a rincasare.
Qualsivoglia poesia, spingendosi sino all’anima, tocca pure la testa dei lettori. Che la portano a casa, l’opera. In quel luogo privato che, dopo il frastuono, ti acconsente di crollare, piano. E piano ti concilia una meditazione. Su quanto sia sul serio vasto ogni modo di essere uomo. Ed ampio e penetrante ed enigmatico e inatteso. Preparato a venir fuori se chiamato da qualcosa di più alto.
Gianluca Rubino ha risposto, offrendoci un’opera, a quel richiamo privato. E su un modello, trasparente, di semplicità e docilità insieme, lo ha offerto a noi. Il suo omaggio. Che oltre l’apparente e nudo accostamento di parole, è il lucido, squassante viaggio nei più cruciali temi dell’universo. Laddove nostalgia, dolore, amore, speranza sono tappe che coincidono con l’attesa, con il volto di Dio.
Lontano da apparenze ingannevoli che nascondono verità invisibili, Gianluca Rubino racconta, solamente, riconoscendo che la poesia dà l’impronta alla vita di un uomo, se costui sa scoprirvi la voce della propria vocazione. Per attraversare lo spessore del tempo. Per riconoscersi.

di Titty RANDO


CARATTERISTICHE TECNICHE: FORMATO 15X21 cm. - copertina U.M. a colori - interno edizione avorio- pagine n. 144

 

10,00 €

TOP