Libritalia
×
 x 

0

MANDYLION

di Francesco DEODATO ISBN 978-88-99693-32-9 LIBRITALIA - Mentre don Conidi lo precedeva per le lussuose scalinate in marmo nero lucido e striato che portavano agli appartamenti cardinalizi, Davide pensava allo strano incontro avuto con lui quasi due mesi prima nella canonica vescovile di Mileto

Di nobile e antico lignaggio e, in epoca più recente, di indiscutibile importanza per essere stata eletta capitale della contea da Ruggero il Normanno, godendo così di notorietà politica e commerciale a livello europeo.
Inoltre, sotto l’aspetto religioso, poteva vantare di essere stata anche la prima diocesi della Calabria. E, proprio qui, in questa prestigiosa diocesi, Antonio Conidi, ora, esercitava il suo ministero cristiano.
Erano stati amici d’infanzia, lui e don Conidi. Nati in un paesino vicino alla storica Mileto, a distanza di tre anni uno dall’altro, lui più giovane del religioso, assieme avevano servito messa a don Giuseppe che, da sant’uomo qual’era, aveva giocato la carta dell’arruolamento religioso per farne due buoni preti. Inizialmente la cosa sembrava dovesse andare a buon fine e le porte del seminario si aprirono per il giovane Antonio Conidi, studente modello e, sotto l’aspetto religioso, inappuntabile, in attesa del suo amico Davide Ferraioli.
L’attesa, però, durò più di quanto si poteva pensare, perché il giovane Davide in un momento di precoce crisi di fede non volle più saperne di vestire l’abito talare per tutta la vita.
Fu così che le loro strade si divisero. Il padre di Davide, che si era premurato di parlare con il vescovo per l’accoglimento in seminario del figlio, mugugnando, dovette fare la sua brutta figura scusandosi per il disturbo inutile, visto che quell’impunito del figliuolo proprio non si capiva cosa gli fosse successo, ma di diventare prete non ne voleva più sapere.
Le vite dei due ragazzi inforcarono strade divergenti. Ognuno aveva continuato la propria in posti diversi e con idee diverse. Diverse fino al punto da divenire, con il tempo, molto distanti o, addirittura agli antipodi.
Si erano rivisti ancora altre volte, ma quella che aveva rinsaldato i rapporti tra loro fu quando Davide, studente in lettere a Perugia, si era recato in treno a Napoli a trovare una ragazza conosciuta a Milano, all’Accademia di Brera, in una delle sue stravaganti e improvvise escursioni in musei e scuole d’arte di tutt’Italia.

 


CARATTERISTICHE TECNICHE: FORMATO 14x21 cm. - copertina plastificata opaca a colori - interno edizione avorio - pagine n. 184

 

18,00 €

TOP