Libritalia
×
 x 

Carrello vuoto

S’intitola “Scrissi d’arte” il nuovo libro del critico d’arte Simone Fappanni, noto critico e storico d’arte e cremonese, che conta un centinaio di pagine e il cui titolo s’ispira volutamente alla celebre aria “Vissi d’amore”, nasce da due esigenze estremamente correlate: quella di riunire contributi critici, saggi e studi pubblicati in libri, brochure e cataloghi o sinora inediti e, assieme, proporre una riflessione sull’arte contemporanea.

 

     

"Vivono ancora gli dei per chi sa dove cercarli. Si sono ritirati - forse nascosti – lontano dagli uomini, nel grande spazio del cielo, del mare e della terra. La loro voce è quella degli animali e della natura vivente."

 

     

Le fiabe, da sempre, hanno accompagnato l’uomo nell’avventura esistenziale e nel corso della sua vita. Esse rappresentano un prodotto della cultura umana che si colloca al di fuori del tempo e dello spazio. Sono narrazioni originarie della tradizione popolare, caratterizzate da racconti medi o brevi e centrati su avvenimenti e personaggi fantastici (fate, orchi, giganti e così via) coinvolti in storie, a volte, con un sottinteso intento formativo o di crescita morale.

     

"Non proprio tutti, ma qualcuno si riconoscerà in queste mie righe."               

       

     

"C’è una domanda da porsi in primo luogo, a quarant’anni dalla morte di Giuseppe Berto: perché continuare a leggerlo oggi?"                       

     

“È l’Amor che move il sole e l’altre stelle”. Così Dante Alighieri concludeva uno dei più grandi capolavori della storia, insegnandoci che non c’è legge più forte dell’Amore.                                   

     

"Il capitalismo corre sempre il rischio d’ispirare gli uomini a essere più interessati a guadagnarsi da vivere che a vivere." 

M. Luther King

    

C’è tutto un linguaggio che recupera l’identità della festa: da quello devozionale a quello delle tradizioni, da quello fatto di odori e dai sapori a quello del lavoro che, nell'insieme, scandiscono il vivere delle stagioni dei contadini.

    

"I momenti della vita non sempre sono facili, ma ogni momento lascia un messaggio importante che deve essere capito. Ripetiamo ogni volta a noi stessi: “Panta rei”, tutto scorre, tutto cambia e guardiamo sempre avanti per continuare il nostro percorso."

   

Giovani sempre più spesso annoiati, privi di interessi se non si tratti di Facebook, Instagram o Messenger? In questo accelerarsi continuo della vita, dov’è la riflessione e dove può collocarsi la poesia, che esprime la comunicazione attraverso parole, suoni e immagini?

 

   


TOP